9788846101761 cop_CARAMELLI_per_non_scoprirlo_mangiando

Maria Caramelli

Per non scoprirlo mangiando ...

La sicurezza alimentare nel nostro Paese

Collana Le Antenne
 
96 pagine
2013

 

Libro € 10,00

ISBN 978-88-461-0176-1

eBook € 5,99

ISBN 978-88-461-0228-7

Le insidie nascoste negli alimenti sono molte e di varia natura. Nonostante i consumatori europei pongano i rischi chimici (come gli additivi) in cima alle preoccupazioni per la propria sicurezza alimentare, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità i pericoli maggiori sono di natura microbiologica, e riguardano quindi virus e batteri in grado di provocare intossicazioni e infezioni, con conseguenze anche drammatiche: microrganismi spesso difficili da identificare e in continua espansione, favoriti dalla globalizzazione, dalla trasformazione delle nostre abitudini, dalla complessità dei processi di produzione e distribuzione dei cibi.

Questo libro indaga il vasto mondo delle malattie alimentari a partire da esempi concreti che sono stati, negli ultimi anni, oggetto dell’attenzione mediatica nazionale e non solo: dal caso della mucca pazza alle mozzarelle blu, dai germogli killer ai parassiti che infestano il pesce crudo, le tossinfezioni scatenano periodicamente allarmi sanitari e crisi economiche di vaste proporzioni. Mangiare, insomma, è un’attività a rischio, ma noi consumatori ci possiamo tutelare seguendo i consigli che qui vengono forniti: l’informazione gioca infatti un ruolo chiave, senza dimenticare il lavoro – in Italia particolarmente rigoroso – delle istituzioni preposte al controllo degli alimenti, che conducono ogni giorno una dura battaglia per garantire la nostra sicurezza.

 

Leggi l'incipit del libro

ibsbannerverde

 



 

 

Rassegna stampa  
   
aprile 2013 Starbene
19 marzo 2013 Diva e Donna
19 marzo 2013 Leggo
15 marzo 2013 Panorama.it
5 marzo 2013 la Repubblica Salute
3 marzo 2013 L'Eco di Bergamo
2 marzo 2013 Cronaca Qui (Torino)
27 febbraio 2013 ilfattoalimentare.it
21 febbraio Corriere della Sera
18 febbraio 2013 La Repubblica

 

 

9788846101723 cop_BALLESTRACCI_Imerio

 

Marco Ballestracci

Imerio

Romanzo di dannate fatiche

 
Collana Fuoriclasse
 
136 pagine
2012

libro € 13,00

ISBN 978-88-461-0172-3

eBook  € 6,99

ISBN 978-88-461-0226-3

"O pedalavi perché la natura ti aveva fatto il regalo di andare forte in bicicletta o te ne andavi all'estero a lavorare."

Imerio, «ardente nel nome», è un ragazzo che nel 1960 ha ventitré anni ed è a un soffio dalla vittoria nella temibile tappa del Passo del Gavia al Giro d'Italia. Imerio è Imerio Massignan, veneto di Valmarana, che vince la classifica scalatori al suo primo Tour de France.

Imerio è anche un'idea, una scia da seguire. Il narratore di questo romanzo-mémoire, veneto anche lui, si mette sulle tracce di una fotografia di tifosi, con un cartello che inneggia a Imerio sul Gavia, e incontra un coacervo di storie di pedali e d'emigrazione.

Trova Alfonso, che da ragazzo ha lasciato il Veneto per la Svizzera, poi è passato in Francia, poi di nuovo in Svizzera. Nella storia di Alfonso, emigrante che non è più tornato indietro, ci sono chilometri di strade costruite, c'è la vita tra cantieri e baracche dei moltissimi veneti che se ne sono andati per lavorare, quando la regione era tra le più povere d'Italia; c'è la nostalgia di chi è partito e la miseria di chi è rimasto; c'è un paese dell'anima visto da fuori, con le prime fabbriche e il Vajont che crolla e con i suoi corridori che vanno al Tour e pedalano come forsennati.

C'è Imerio, che a Briançon perde una tappa sotto gli occhi di Alfonso, proprio come sul Passo del Gavia si era visto sfuggire la vittoria già quasi sua, beffato da una ruota a terra. E al termine dei ricordi c'è Imerio Massignan oggi, c'è l'incontro con un uomo che ha suscitato affetti ed è diventato in qualche modo simbolo di quanti, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, sono andati con ostinazione alla ricerca di riscatti e quasi mai li hanno trovati.

Da un Veneto ormai trasfigurato, con in mano qualche fotografia e alcuni ricordi, Marco Ballestracci fa rivivere – tra rievocazione, immaginazione e realtà storica – vicende che appartengono a una collettività, scrivendo il romanzo di una generazione che ha lavorato duro e pestato sui pedali.

Leggi l'ncipit del libro

ibsbannerverde

 

Rassegna stampa  
25 gennaio 2013 la tribuna di Treviso
24 gennaio 2013 Il Gazzettino - Treviso
dicembre 2012 Orizzonti Nuovi
31 dicembre 2012 Gazzetta dello Sport .it
31 dicembre 2012 Radio Popolare
28 dicembre 2012 Corriere dello Sport
22 dicembre 2012 il Piccolo
21 dicembre 2012 Sette (Corriere della Sera)
16 dicembre 2012 Corriere Nazionale - Firenze
10 dicembre 2012 Il Gazzettino - Rovigo
06 dicembre 2012 Corriere della Sera
04 dicembre 2012 L'Arena
16 novembre 2012 il venerdì (la Repubblica)
01 novembre 2012 Avvenire
30 ottobre 2012 la tribuna di Treviso
29 ottobre 2012 La Nuova Sardegna
28 ottobre 2012 Il Gazzettino - Treviso
23 ottobre 2012

la tribuna di Treviso

 

Dello stesso autore:
ombra cannibale       Storia balorda    9788846101785 cop_BALLESTRACCI_tasc_Ombra_Cannibale
9788846101594_cop_VARETTO_non_credo_paradiso

 Patrizia Varetto

Non credo al Paradiso

 
Collana Dirigibili
 
296 pagine
2011

 

libro € 16,00

ISBN 978-88-461-0159-4

eBook  € 7,49

ISBN 978-88-461-0165-5

 

Quando Eleonora si risveglia dal coma, in seguito a un incidente d’auto in cui ha perso il suo unico figlio Philippe, nulla è più come prima. Dopo un lungo ricovero in ospedale, finisce in un convalescenziario di lusso sul Lago Maggiore, dove scivola nella depressione e nella solitudine.

L’unica persona a frequentare la stanza in cui si è auto reclusa è Sahar, una giovane infermiera palestinese. Da lei emana un’aura di mistero e sofferenza che finisce per strappare Eleonora alla sua apatia. Le due donne iniziano a conoscersi ed Eleonora intuisce che qualcosa la accomuna alla singolare figura entrata casualmente nella sua vita; anche Sahar sembra sentire qualcosa di simile, perché si lascia andare a confidare che suo figlio Bilal, che ha più o meno l’età di Philippe, vive clandestinamente in Italia, poco lontano dalla clinica.

L’incontro con Sahar e Bilal si trasforma a poco a poco in un’opportunità di rinascita.

Non credo al Paradiso parla delle profondità del dolore ma anche dell’ostinazione della vita, intessendo con delicatezza una trama di forti legami femminili, luoghi fatti vivere nella loro palpitante bellezza, vicende del nostro tempo che raccontano l’universalità dei sentimenti.

Leggi l'ncipit del libro

ibsbannerverde

 

Rassegna stampa

 
27 maggio 2013

Trentino Corriere AlpiCOCCARDA Premio eLEGGERE LIBeRI 2013

7 gennaio 2012

La Stampa - TuttoLibri

6 gennaio 2012

la Repubblica

4 gennaio 2012

Fahrenheit - Radio3

16 dicembre 2011

La Stampa - TorinoSette

   

 

9788846101709 cop_AAVV_memoria_seme_futuro

 

AA.VV.

Memoria.

Il seme del futuro

 
I quaderni del Salone Internazionale del Libro di Torino
 
160 pagine
2012

libro € 7,00

ISBN 978-88-461-0170-9

 

Per il quarto anno Instar Libri cura la pubblicazione degli interventi di maggior rilievo ospitati dal Salone Internazionale del Libro di Torino.

Gli autori intervenuti all’edizione 2011 del Salone si sono confrontati sul tema Memoria. Il seme del futuro. Il volume raccoglie i dialoghi e le lectiones magistrales di Paola Caridi, Javier Cercas, Umberto Eco, Thomas Enger, Dario Fo, Massimo Gramellini, Margherita Hack, Jamil Hilal, Parag Khanna, Hans Küng, Frédéric Martel, Aldo Naouri, Sari Nusseibeh, Ilan Pappé, James Redfield, Luis Sepúlveda, Ljudmila Ulickaja, Slavoj Žižek.

Leggi l'ncipit del libro

ibsbannerverde

 

 

 
 
 

 

 

9788846101716 cop_TOSO_verita_carta

 

Paolo Toso

La verità di carta

 
Collana Fuoriclasse
 
208 pagine
2012

libro € 14,00

ISBN 978-88-461-0171-6

eBook  € 7,99

ISBN 978-88-461-0224-9

Quando Enrico Chiari viene arrestato per «turbata libertà degli incanti» non sa nemmeno di avere commesso un reato. È un ingegnere e ha partecipato a una gara d'appalto assieme a un geometra rampante; non si è chiesto come il nuovo socio potesse avere certe informazioni, né si è reso conto che versandogli dei soldi non stava pagando i «servizi » del geometra, bensì l'appalto comprato.

I quindici giorni di carcere gli servono per iniziare a mettere ordine nelle idee; tornato nella casa solitaria sulla collina torinese – Agnese, la sua fidanzata, si sta staccando da lui e se n'è andata per un nuovo lavoro in Africa – Enrico decide di smarcarsi dal geometra e dal suo avvocato per fare da solo. Decide di affrontare la giustizia: accompagnato da un'avvocatessa d'ufficio alle prime armi, si presenta dal magistrato per spiegare come sono andate le cose, per riappropriarsi della propria dignità e della verità. Scoprirà che i riti della giustizia sono complessi, a tratti indecifrabili. Nei mesi che trascorrono tra gli innumerevoli atti di un procedimento legale che sembra avvicinarsi e allontanarsi come un miraggio, mentre fa amicizia con un ladro di profumi conosciuto in cella e tenta incerti rapporti epistolari con Agnese, Enrico torna a poco a poco a riconoscersi; se la giustizia appare restia ad assumere posizioni nette, la tortuosa strada intrapresa finisce comunque per restituire qualcosa che aveva perso senza accorgersene.

Un insolito romanzo di ambientazione legale raccontato dal punto di vista di un «colpevole », capace di sviscerare tanto i meccanismi umani quanto quelli giuridici con occhio acuto e partecipe. Una storia dei nostri tempi affrontata senza enfasi che nelle pieghe di una trama rapida e avvincente indaga le difficoltà del fare e ottenere giustizia.

 

Leggi l'ncipit del libro

ibsbannerverde

 

Rassegna stampa  
12 gennaio 2013 L'Osservatore Romano
11 dicembre 2012 Il Carabiniere
22 novembre 2012 L'Arena
12 novembre 2012 La Nuova Sardegna
17 ottobre 2012 La Stampa
14 ottobre 2012 Lombardia Oggi
16 settembre 2012 La Repubblica
   

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza i cookie tecnici necessari alla trasmissione di informazioni su una rete di comunicazione elettronica e non  utilizza cookie di profilazione.