Giambattista Avellino

Il cono di luce del futuro dell'evento (2004)
Giambattista Avellino è nato a Livorno il 18-11-1957. Ha la doppia nazionalità, francese-italiana, ma vive a Roma da sempre. Comincia a lavorare nel periodo dell’università realizzando sceneggiature per fumetti come Lanciostory, Skorpio, poi frequenta la prima scuola di sceneggiatura italiana, diretta da Age, facendo esperienze di "bottega", oltre che con lo stesso Age, con Scola, Wertmuller, Montaldo e Avati. Dopo una breve esperienza come scrittore radiofonico, da anni la sua attività principale si svolge nel mondo della televisione, come regista e sceneggiatore di tv-movie, serie televisive, situation-comedy. Ha fornito testi per Le Iene, Pressing, Quelli che il Calcio, l’8° Nano, il Festival di Sanremo, il Processo alla Tappa e vari quiz… Tra le regie televisive, Un posto al Sole e Telenauta ’69 . Per il cinema ha scritto Nati Stanchi, una commedia con Ficarra & Picone, e sempre per il duo comico siciliano ha curato la regia teatrale di Diciamoci la Verità. Fa parte della redazione di SCRIPT, rivista di tecnica e teoria della sceneggiatura.



 
 Marco Ballestracci
L'ombra del Cannibale (2009)
La storia balorda (2011)

Imerio (2012)

Il dio della bicicletta (2014)

Marco Ballestracci vive e lavora a Castelfranco Veneto. Ha già pubblicato un libro di racconti sul calcio: A Pedate – 11 eroi per 11 leggendarie partite di calcio (Mattioli – Finalista al Premio Bancarella 2009). Ha collaborato con quotidiani e riviste musicali specializzate. È cantante e armonicista blues.
Il blog dell'autore
 
 
 
 
 
Andrés Barba

La sorella di Katia (2005)
Andrés Barba è nato a Madrid nel 1975. Si è fatto conoscere in Spagna con il racconto El hueso que más duele (premio Ramón J. Sender de narrativa). Alterna l’attività di scrittore a quella di docente universitario. La sorella di Katia è stato finalista al prestigiosissimo Premio Herralde.

Wikipedia

 
 
 
 
Dave Barry

Big Trouble (2002)
Tricky Business (2004)
Definito “l’uomo più divertente d’America” dal New York Times, Dave Barry è nato nel 1947 ad Armonk nello Stato di New York. Ha scritto saggi di successo, vinto un Premio Pulitzer – 1988 – e visto la sua vita trasformarsi in una serie televisiva. Dal 1983 lavora al Miami Herald. Autore di quasi trenta libri, è oggi uno dei più famosi umoristi statunitensi. Big Trouble è il suo primo romanzo. Accolto con autentico entusiasmo da pubblico e critica (e dall’industria cinematografica che ne ha subito acquistato i diritti), uscirà in Inghilterra, Francia, Germania e Italia, lanciando la fama di Barry anche in Europa.
Wikipedia
Sito dell'autore
Blog dell'autore

 

 

 
 
 
 
 
Sebastian Barry

A long long way (2007)
Sebastian Barry è nato a Dublino nel 1955. È autore di romanzi, poesie e testi teatrali di grande successo. A long long way (già tradotto in Francia da Gallimard, che sta pubblicando tutta la sua opera) è stato finalista al Booker Prize 2005, e la sua mancata vittoria ha scatenato una polemica sui giornali anglosassoni. Numerosi e autorevoli quotidiani in lingua inglese di tutto il mondo lo hanno inserito nell’elenco dei migliori libri del 2005.
Wikipedia
 

Baskin_Yvonne  
 
 Yvonne Baskin
 
Il pasto gratis (2005)
Yvonne Baskin è autrice di saggi su svariate questioni ecologiche e scrive regolarmente per numerose riviste, fra cui Discover, Earth e BioScience. Divide il suo tempo tra Bozeman, nel Montana, e San Diego, in California.

 

 

 
 
 
 
Julia Blackburn

L'ultima isola dell'Imperatore (1997)
Daisy Bates nel deserto (2002)
Nata a Londra nel 1948, Julia Blackburn, figlia di una pittrice e di un poeta, sin da bambina è cresciuta in un mondo dove tutte le esperienze quotidiane erano riflesse nell’arte. Infaticabile viaggiatrice, ha abitato per lunghi periodi in Spagna, Olanda e nel Galles. Sempre attratta, ma anche spaventata dalla possibilità di diventare lei stessa scrittrice, nel 1978 ha esordito con due saggi di natura storica, per poi approdare nel 1991 alla narrazione insieme documentaria e soggettiva de L’ultima isola dell’Imperatore, inaugurando così una prosa personalissima che di anno in anno si fa sempre più ardita e suggestiva e che ha indotto più di un critico inglese a vedere in lei l’erede spirituale di Bruce Chatwin.



Susan Blackmore

La macchina dei memi (2002)

 

 

Susan Blackmore insegna psicologia all’università di Bristol. Nelle sue ricerche ha affrontato il problema delle credenze nel paranormale, nell’astrologia, nella divinazione e nelle esperienze pre-morte. Collabora con l’Indipendent e con numerose riviste, e partecipa regolarmente, come ospite o come presentatrice, a programmi televisivi e radiofonici.

Sito dell'autore

 

bordese  
 
 
 
 
Claudia Bordese

Sesso selvaggio (2010)
Claudia Bordese, laureata in biologia, ha realizzato nella divulgazione scientifica la sua passone per l'etologia e l'evoluzione, concretizzata in oltre settanta articoli pubblicati dalla rivista Piemonte Parchi. Ha scritto Vivere a spese degli altri. Elogio del parassitismo (Blu Edizioni 2009), finalista all'ottava edizione del Premio Letterario Merck Serono e, dopo aver contribuito al VI centenario dell'Università di Torino con il saggio Dottorato: cuore e motore della ricerca (2004), ha pubblicato Innovare, crescere, competere: le sfide del dottorato di ricerca (Il Sole 24 ore 2008).



Branduani
Cesarino Branduani
Memorie di un libraio (2005)

 

 

Cesarino Branduani (Milano 1897-1976) è stato libraio, scrittore e amico di intellettuali. Ha fatto parte della giuria del premio Bagutta insieme a Dino Buzzati, Eugenio Montale, Edilio Rusconi e altri importanti personaggi della cultura e dell’arte.



 

André Brink

La prima vita di Adamastor (1994)

 

 

Nato nel Libero Stato dell’Orange da genitori boeri, André Brink è uno dei più noti e prolifici scrittori sudafricani contemporanei, già tradotto in più di venti lingue e particolarmente apprezzato in Francia (dove, oltre al Premio Médicis Étranger, gli è stato riconosciuto il titolo di Cavaliere della Legion d’Onore). Dopo molti romanzi di dichiarato impegno civile contro l’apartheid, con Adamastor si è voluto concedere un apologo precoloniale dai contenuti allegorici evidenti ma dai toni più leggeri, d’inequivocabile ispirazione rabelaisiana.
Wikipedia


 

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza i cookie tecnici necessari alla trasmissione di informazioni su una rete di comunicazione elettronica e non  utilizza cookie di profilazione.